Un drastico cambio nella origin story di Loki!

Loki è uno dei personaggi più amati del Marvel Cinematic Universe, passando nei suoi 8 anni di onorata carriera da villain a eroe che si sacrifica in Avengers: Infinity War. Nonostante la sua redenzione finale, Loki sarà comunque ricordato come un cattivo, soprattutto per l’attacco a New York del primo Avengers.

Ma adesso, il sito ufficiale della Marvel ci svela che non tutte quelle decisioni erano farina del suo sacco. Una larga parte della trama di Avengers ruotava attorno al dio asgardiano che controllava le menti di Occhio di Falco e altre persone attraverso lo scettro che Thanos gli aveva dato e che (SPOILER) si è rivelato essere la Gemma della Mente. Beh, pare che quello stesso scettro stesse (leggendo questa parte ho perso la dentiera) controllando anche Loki.

Marvel.com ce lo conferma nella pagina “Loki on Screen” che potete consultare cliccando qui!

Arrivando al Santuario attraverso un wormhole causato dal Bifrost, Loki incontrò l’Altro, regnante dell’antica razza di extraterrestri i Chitauri, e Thanos. Offrendo al Dio dell’Inganno il dominio sul reame preferito dal fratello, la Terra, Thanos reclamò in cambio il Tesseract. Donatogli uno Scettro che agiva come un dispositivo di controllo della mente, Loki sarebbe stato in grado di influenzare gli altri.

Non era a conoscenza però, che lo Scettro stava influenzando anche lui, alimentando il suo odio nei confronti di suo fratello Thor e degli abitanti della Terra.

Loki ha fatto riferimento a questo suo trascorso in The Avengers, come fatto notare da rhowena, un utente di Reddit, in questa battuta:

“Ricordo un’ombra. Una vita all’ombra della tua grandezza. Ricordo che tu mi hai scaraventato nell’abisso. Io che ero e dovrei essere re.”

Adesso bisogna solo vedere se questo cambiamento nella origin story dell’antiinfiammatorio più amato del Marvel Cinematic Universe avrà qualche ripercussione sulla trama di Avengers: Endgame o se è solo un cambio di direzione caramelloso dovuto alla nuova gestione Disney!

Annunci

Le riprese di Black Widow cominceranno in primavera in… Italia?

Il Saviglianese, celebre settimanale d’informazione di Savigliano, comune in provincia di Cuneo, ha riportato nell’edizione di stamani che, nei mesi di aprile-maggio 2019, una grande produzione hollywoodiana, facente capo ai Marvel Studios, dovrebbe girare alcune importanti sequenze nel Castello di Racconigi, altro comune della zona.


Un regista della produzione sarebbe già stato in città per un sopralluogo e al Castello risulterebbe una richiesta di disponibilità da parte di Eagle Pictures, società cinematografica italiana che, probabilmente, farà da mediatrice alla società americana nel Bel Paese per la produzione di questa pellicola.
Speculazioni vorrebbero che il film in questione sia il già annunciato Black Widow, film solista sulla super spia interpretata in Avengers da Scarlett Johansson, anche se i rumors a proposito di scene ambientate durante l’Attentato di Sarajevo, casus belli della prima Guerra Mondiale, ci rendono molto perplessi al riguardo.