Avengers: Endgame, le prove che abbiamo sui viaggi temporali

Dietro il trailer di Avengers: Endgame c’è un sacco di mistero, ma tutto sembra portare alla vecchia ipotesi del viaggio nel tempo. Dopo una lunghissima attesa, i Marvel Studios hanno finalmente rilasciato il trailer di Avengers 4 dando così ai fan una prima occhiata all’apice di questi 10 anni di MCU. Il rilascio del trailer era stato annunciato ma non era mai stato confermato con una data precisa, potendo contare sull’effetto sorpresa sia per l’uscita sia per i toni cupi.
Anche senza alcun precedente marketing, Marvel si è lasciata “sfuggire” alcune foto e anche diverse “voci di corridoio” che hanno contribuito a fornire molte prove a sostegno della teoria che in Avengers: Endgame ci saranno viaggi nel tempo.

Gli scatti durante le riprese hanno mostrato una ricostruzione della Battaglia di New York da The Avengers, con Robert Downey Jr. che indossava la stessa maglietta dei Black Sabbath, Chris Evans nel costume originale di Captain America, e Chris Hemsworth con ancora i lunghi capelli biondi di Thor. Tutto questo potrebbe facilmente servire per un flashback o l’uso della tecnologia Binary Augmented Retro-Framing (BARF) introdotta in Captain America: Civil War. Ma sono state le foto rilasciate su Ant-Man (Paul Rudd) che ci hanno fatto pensare ancora di più ai viaggi temporali.
Ci sono state indiscrezioni sulla teoria del viaggio nel tempo in Avengers 4 anche per questioni di casting. Emma Fuhrmann si è unita al cast in segreto e si dice che interpreti una versione più vecchia della figlia di Ant-Man, Cassie Lang. Alcuni pensavano che ciò potesse essere spiegato attraverso un salto temporale, ma il trailer di Avengers: Endgame non mostra salti temporali di nessun tipo. Se la Fuhrmann è realmente una vecchia Cassie Lang, allora significherebbe che gli eroi viaggeranno non solo indietro nel tempo, ma anche nel futuro.

La prova più importante sulla teoria dei viaggio nel tempo è arrivata in una linea di dialogo durante Ant-Man e Wasp, in una scena dei crediti finali. Janet van Dyne dice a Scott di fare attenzione ai “Vortici temporali” quando entrerà nel Reame Quantico. Una volta entrato ed essere rimasto bloccato nel regno quantico per colpa dello schiocco di Thanos che uccide Janet, Hank Pym e Hope van Dyne, l’unico pensiero logico è che questi vortici siano per lui l’unica via d’uscita. E, anche se il trailer di Avengers: Endgame non mostra gli eroi in un momento diverso dal presente della pellicola (nel passato o nel futuro per intenderci), riprende l’ipotesi del viaggio nel tempo in più di un’occasione.


FILMATI D’ARCHIVIO DI ANT-MAN


CREDIT: MARVEL STUDIOS

Nella scena finale del trailer di Avengers 4 ci vengono mostrati Captain America e Vedova Nera (Scarlett Johansson) intenti a guardare dei filmati di una telecamera di sicurezza del quartier generale degli Avengers. Le telecamere mostrano che Ant-Man è effettivamente fuggito dal Reame Quantico e ora si trova all’esterno della base operativa per “vedere se c’è rimasto qualcuno dentro”. Dice “Ciao, c’è qualcuno in casa? Sono Scott Lang. Ci siamo incontrati qualche anno fa all’aeroporto, in Germania, quando sono diventato enorme”. Quando i due vedono sullo schermo la clip, Cap chiede immediatamente “È un vecchio messaggio ?”, a cui Vedova Nera risponde dicendo “È la porta principale“. A prima vista sembra quindi essere una trasmissione in tempo reale ma ad un occhio più attento risulta tutto il contrario.

Nella parte in alto a sinistra del filmato, vi è un contrassegno che lo indica come “d’archivio”, il che significa che questo video non proviene da un feed live. Ciò indicherebbe che questa situazione è accaduta in un momento passato, ma che continua a ripetersi nel presente anche nel momento in cui Cap e Vedova Nera guardano il filmato. Ma, se così fosse, allora come mai nessuno era li per farlo entrare? E perché né Cap e neppure la Vedova Nera ne erano a conoscenza? Bene, alcuni fan particolarmente attenti potrebbero aver individuato il numero 1983 vicino all’archivio, ma la colorazione e la distanza lo rendono difficile da confermare. Se è il 1983, questo potrebbe significare che il video archiviato risale all’anno 1983.

Se questo video mostra che Ant-Man non solo è fuggito dal Reame Quantico, ma che era presente nel passato, allora i Vendicatori sapevano già che Ant-Man ha già viaggiato nel tempo. Potenzialmente, Scott potrebbe aver portato questo video alla attenzione generale nel tentativo di dimostrare ciò che ha fatto. Non solo questo spiega quindi le risposte di Cap e Vedova Nera, ma mostra loro anche un potenziale percorso verso la vittoria contro Thanos.

Annunci

Le riprese di Black Widow cominceranno in primavera in… Italia?

Il Saviglianese, celebre settimanale d’informazione di Savigliano, comune in provincia di Cuneo, ha riportato nell’edizione di stamani che, nei mesi di aprile-maggio 2019, una grande produzione hollywoodiana, facente capo ai Marvel Studios, dovrebbe girare alcune importanti sequenze nel Castello di Racconigi, altro comune della zona.


Un regista della produzione sarebbe già stato in città per un sopralluogo e al Castello risulterebbe una richiesta di disponibilità da parte di Eagle Pictures, società cinematografica italiana che, probabilmente, farà da mediatrice alla società americana nel Bel Paese per la produzione di questa pellicola.
Speculazioni vorrebbero che il film in questione sia il già annunciato Black Widow, film solista sulla super spia interpretata in Avengers da Scarlett Johansson, anche se i rumors a proposito di scene ambientate durante l’Attentato di Sarajevo, casus belli della prima Guerra Mondiale, ci rendono molto perplessi al riguardo.

Analisi del trailer di Avenengers: Endgame

Finalmente, dopo una lunga attesa, ieri, venerdì 7 dicembre 2018, i Marvel Studios hanno deciso di farci assaporare un pezzo di film, rilasciando l’attesissimo trailer di Avengers 4, o dovrei dire Avengers: Endgame.

Sì, finalmente è stato rivelato anche il titolo del film e pare proprio che alcuni fan fossero riusciti ad indovinare il nome del titolo ancora mesi fa, dopo la pubblicazione di un tweet da parte dei fratelli Russo.

Come possiamo vedere, ancora il 19 settembre, un fan aveva teorizzato la presenza della scritta ENDGAME all’interno di una criptica foto condivisa dall’account Twitter del fratelli Russo.

Ma passiamo ora alla vera e propria analisi di questo trailer che ha mandato in visibilio tutti i fan del Marvel Cinematic Universe.

Il trailer si apre con Tony Stark, sopravvissuto all’attacco su Titano intento a registrare un ultimo videomessaggio per salutare Pepper Potts qualora dovessero ritrovarlo morto. La scena è estremamente drammatica poiché il cibo e l’acqua, che aveva a disposizione in quella che sembra essere una nave spaziale, sono terminati da 4 giorni mentre l’ossigeno la mattina seguente.

Grazie ad un’inquadratura dello spazio aperto, possiamo renderci conto che la navetta in cui Tony sta viaggiando è la Benatar (appartenuta ai Guardiani della Galassia ormai morti). Probabilmente è in compagnia di Nebula, anch’essa sopravvissuta allo schiocco di dita di Thanos, ma rimossa dalla scena in post produzione, per rendere il tutto più drammatico e trasmettere allo spettatore un senso di abbandono e solitudine. Possiamo infatti notare che è presente una seconda postazione di comando nella navetta e sono sicuro che nel film ci sarà Nebula ad utilizzarlo. Essendo gli unici due personaggi sopravvissuti sul pianeta Titano, avrebbe più senso se mettessero insieme le loro forza, fare gioco di squadra e cercare di ritornare vivi sulla Terra.

Viene introdotto il logo dei Marvel Studios che si dissolve come fosse una vittima dello schiocco di dita di Thanos.

Vediamo ora l’armatura di Thanos impiantata su di un palo, riferimento al sesto capitolo del fumetto Infinity Gauntlet in cui il titano pazzo crea uno spaventapasseri con la sua armatura. Armatura di cui non ha più bisogno perché ora è riuscito a raggiungere la pace interiore e non gli resta che ammirare il paesaggio di Titano finalmente ricco di vegetazione.

Nella base degli Avengers troviamo Steve Rogers piangere la scomparsa dei suoi compagni;

Bruce Banner anch’egli afflitto per la scomparsa dei suoi colleghi; Una lista degli eroi scomparsi, ci mostra che Scott Lang alias Ant-Man, è creduto morto vista la sua scomparsa. Il che mi fa pensare che gli Avengers siano all’oscuro della missione che stava cercando di portare a termine con Hank Pym, Hope van Dyne e Janet van Dyne, perciò ignari del fatto che sia rimasto intrappolato all’interno del Regno Quantico.

Una breve occhiata a Thor ci fa intendere che sia stato rinchiuso in una stanza, forse una prigione;

Nebula sembra essere in una navetta, molto probabilmente la stessa in cui trova anche Tony.

Il vero colpo di scena però si verifica quando ci mostrano Clint Barton che, dopo l’assenza in Infinity War ha preso l’identità di Ronin, abbandonando così quella di Occhio di Falco.

A questo punto Natasha Romanoff interroga Steve sulle ipotetica riuscita del piano e Cap risponde che deve funzionare per forza perché altrimenti non avrebbe altre idee. Non penso si riferiscano allo scontro finale vista l’assenza di altri personaggi nella scena. Mi aspetto più che altro che sia un piano per salvare qualcuno degli eroi scomparsi.

Compare finalmente il logo degli Avengers rivelando così a tutto il mondo il titolo del film, rimasto finora segreto. Il titolo è Avengers: Endgame.

Perché l’hai fatto?
Siamo a fine partita ora.
Why did you that?
We’re in the endgame now.

Come possiamo vedere nelle due clip prese dal film Avengers: Infinity War, Iron Man chiede a Doctor Strange come mai ha consegnato la Gemma del Tempo a Thanos e lui risponde che ora sono a fine partita. Nel doppiaggio inglese, “fine partita” equivale ad endgame. È una semplice casualità oppure era tutto un piano architettato dai fratelli Russo per far rivelare al Mago Supremo il titolo del film un anno prima?

Come ultima scena, vediamo l’arrivo di Scott Lang alla base degli Avengers. Questo implica che sia riuscito ad uscire dal Regno Quantico (probabilmente attraverso un Vortice del Tempo), ma la domanda sorge spontanea: è ritornato nella dimensione che conosciamo noi oppure in un universo parallelo?

Concludendo, il trailer ci fornisce la data di distribuzione nelle sale cinematografiche italiane: il 24 aprile 2019.

Cosa ne pensate di questo trailer? Condividete quello che abbiamo scritto oppure la pensate diversamente? Fatecelo sapere nel post ufficiale nella nostra pagina Facebook.

The Game Awards 2018

Anche quest’anno i The Game Awards si sono rivelati succosissimi, l’evento che premia il mondo dei videogame diventa ogni anno più ricco ed importante.

Non siete riusciti a rimanere svegli? Ci pensiamo noi!

Qui di seguito trovate la sorprendente lista dei vincitori seguita dalla carrellata di Premier che hanno farcito lo show. Buona lettura.

  • Gioco dell’anno: God of War (Sony Santa Monica / SIE)
  • Miglior gioco in prosecuzione: Fortnite (Epic Games)
  • Miglior Game Direction: God of War (Sony Santa Monica / SIE)
  • Miglior narrativa: Red Dead Redemption 2 (Rockstar Games)
  • Miglior direzione artistica: Return of Obra Din (3909 LLC)
  • Migliori musiche: Red Dead Redemption 2 (Woody Jackson)
  • Miglior audio design: Red Dead Redemption 2 (Rockstar Games)
  • Miglior performance: Roger Clark nel ruolo di Arthur Morgan, Red Dead Redemption 2
  • Gioco dal maggior impatto: Celeste (Matt Makes Games)
  • Miglior gioco indie: Celeste (Matt Makes Games)
  • Miglior gioco mobile: Florence (Mountains / Annapurna Interactive)
  • Miglior gioco VR/AR: Astro Bot Rescue Mission (SIE Japan Studio / SIE)
  • Miglior gioco d’azione: Dead Cells (Motion Twin)
  • Miglior gioco d’azione/avventura: God of War (Sony Santa Monica / SIE)
  • Miglior gioco di ruolo: Monster Hunter: World (Capcom)
  • Miglior picchiaduro: Dragon Ball FighterZ (Arc System Works / Bandai Namco Entertainment)
  • Miglior gioco per famiglie: Overcooked 2 (Ghost Town Games / Team 17)
  • Miglior gioco di strategia: Into the Breach (Subset Games)
  • Miglior gioco di Sport/Guida: Forza Horizon 4 (Playground Games / Turn 10 Studios / Microsoft Studios)
  • Miglior gioco multiplayer: Fortnite (Epic Games)
  • Miglior gioco realizzato da studenti: Combat 2018 (Inland Norway University of Applied Sciences – Norway)
  • Miglior indie di debutto: The Messenger (Sabotage Studio)
  • Miglior gioco eSport: Overwatch
  • Miglior giocatore eSport: Dominique “SonicFox” McLean (Echo Fox)
  • Miglior team eSport: Cloud9 (LOL)
  • Miglior coach eSport: Bok “Reapered” Han-gyu (Cloud9)
  • Miglior evento eSport: League of Legends World Championship
  • Miglior commentatore eSport: Eefje “Sjokz” Depoortere
  • Miglior momento eSport: C9 Comeback Win In Triple OT vs FAZE (ELEAGUE)
  • Content Creator dell’anno: Ninja

Lucca Comics & Games, tutte le date future

Dopo un 2018 da record con 250.632 ticketing (per farvi capire pari a 4 volte il pubblico della finale di Champions League del 2018) i programmatori dell’evento hanno reso pubbliche le date per le edizioni future fino al 2022!


ANNODALAL
2019Mercoledì 30 ottobreDomenica 3 novembre
2020Mercoledì 28 ottobreDomenica 1 novembre
2021Giovedì 28 ottobreLunedì 1 novembre
2022Venerdì 28 ottobreMartedì 1 novembre

Restate con noi per altre news riguardati la fiera più bella del mondo!
E seguiteci sulla nostra pagina Facebook sopportandoci con un bel LIKE!

Stranger Things 3, finite le riprese

…and that’s a wrap

Tramite i loro profili Instagram, Millie Bobby Brown e Noah Schnapp annunciano la fine delle riprese per la terza stagione di Stranger Things. 

Con un “…and that’s a wrap” Will e Eleven ci salutano.

Come sono state per voi queste due stagioni? Cosa vi hanno trasmesso?

Ditecelo nei commenti qui sotto.

View this post on Instagram

thats a wrap ♥️

A post shared by millie ♡ (@milliebobbybrown) on

Disney+, la nuova piattaforma streaming

Che Disney stia mettendo le mani in pasta un po’ ovunque questo ormai è ovvio, intrattenimento sul grande schermo, intrattenimento sul piccolo schermo, parchi a tema, fumetti, oggettistica e merchandise,  galassie lontane lontane. Ma che la creatura di Walt Disney dichiarasse guerra al colosso Netflix (e a tanti altri satelliti “minori”), visto anche l’accordo tra le due parti per il rilascio di serie di proprietà Disney in esclusiva Netflix, ve lo aspettavate?

Ormai il mondo dell’intrattenimento è più che mai gestito dal business, si fa o si crea qualcosa se sai che il riscontro economico è assicurato e questa creazione si rende esclusiva (per il pubblico pagante della piattaforma) sia per attirare spettatori sia per far vedere ai competitor che “le hai più grosse tu” (le esclusive, n.d.a). Ecco quindi che Disney tira fuori dal cilindro IL suo servizio streaming che prende il nome di Disney+, ma come siamo arrivati a questo punto?

Nell’agosto 2016, Disney ha acquisito una quota di minoranza in BAMTech (uno spin-out del business della tecnologia di streaming di MLB Advanced Media) per 1 miliardo di dollari, con un’opzione per acquisire una partecipazione di maggioranza in futuro. A seguito dell’acquisto, ESPN ha annunciato piani per un “progetto esplorativo” basato sulla sua tecnologia (ESPN+) per soppiantare i suoi attuali servizi televisivi lineari. L’8 agosto 2017, Disney ha invocato la sua opzione per acquisire una partecipazione di controllo in BAMTech per 1,58 miliardi di dollari, aumentando la sua partecipazione al 75%. Accanto all’acquisizione, la società ha anche annunciato i piani per un secondo servizio diretto al consumatore, basato sul marchio Disney, tratto dai contenuti di intrattenimento, che verrà lanciato dopo che l’azienda ha concluso l’accordo di distribuzione con Netflix nel 2019.

Nel gennaio 2018, è stato riferito che l’ex dirigente Apple e Samsung Kevin Swint era stato nominato vicepresidente senior e direttore generale del nuovo servizio. Nel giugno 2018, l’ex presidente del marketing di Motion Pictures della Walt Disney Studios, Ricky Strauss, è stato nominato presidente del contenuto e del marketing per il servizio.

L’8 novembre 2018, la Disney annunciò ufficialmente che il servizio sarebbe stato nominato Disney+, con l’amministratore delegato Bob Iger che affermava che la società avrebbe preso di mira un lancio verso la fine del 2019.

Inizialmente sarà lanciato esclusivamente negli Stati Uniti e si concentrerà sui contenuti cinematografici e televisivi dei principali marchi di intrattenimento della famiglia Disney, tra cui Walt Disney Studios, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm. Disney+ presenterà anche contenuti originali, con la Disney che ha annunciato nuove serie relative a Marvel e Star Wars in produzione per il servizio. Il servizio sostituirà l’attuale accordo di distribuzione di Disney con Netflix.

disneyplus

Diamo però un’occhiata più approfondita ai contenuti.

Il servizio opererà in parallelo con Hulu, un servizio di cui Disney deterrà il possesso del 60% in seguito al completamento della sua proposta acquisizione delle attività di intrattenimento di 21st Century Fox. Bob Iger ha dichiarato che Disney+ sarebbe incentrato specificamente sull’intrattenimento per famiglie (il servizio non porterà alcun film con rating R), e che Hulu sarebbe rimasta orientata verso l’intrattenimento “generale”.

Si prevede che il servizio avrà circa 7000 episodi di serie televisive e 500 film. ci saranno alcune glorie del passato che saranno disponibili per lo streaming attraverso il servizio, includono film d’animazione Disney, film d’azione Disney, film del Marvel Cinematic Universe e film Pixar (oltre alla programmazione di National Geographic dopo la finalizzazione dell’acquisizione del 21st Century Fox). L’obiettivo iniziale per del contenuto originale sul servizio è pianificato per includere da quattro a cinque film originali e cinque programmi televisivi con budget da 25 a 100 milioni di dollari. Nell’agosto 2018, è stato riferito che la prevista serie live-action di Star Wars costerà 100 milioni.

Disney+ NON deterrà i diritti per i primi sei film della saga cinematografica di Star Wars, poiché i loro diritti di streaming negli Stati Uniti sono detenuti da Turner Broadcasting (una divisione di AT & T’s WarnerMedia) fino al 2024. Captain Marvel sarà il primo film distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures a trasmettere esclusivamente su Disney+.

Film:

TitoloGenere
In post-produzione
Magic CampCommedia
NoelleFantasy/Avventura/Commedia
Timmy FailureFantasy
In Ripresa
Lady and the TrampRomantico
StargirlRomantico/Drammatico
TogoAvventura
In sviluppo
3 Men and a BabyCommedia
Don QuixoteFantasy/Avventura
Father of the BrideComedy-drama
Flora & UlyssesFamily
Honey, I Shrunk the KidsCommedia/Avventura
The Paper MagicianFantasy
The Parent TrapCommedia
Peter PanAvventura/Fantasy
The Sword in the StoneFantasy

Serie:

TitoloGenere
In Produzione
High FidelityComedy-drama
High School Musical: The MusicalMusical
Ink & PaintDocuserie
Star Wars: The Clone Wars (stagione 7)Animazione/Space opera
The MandalorianSpace opera
Serie prequel di Rogue One con Diego Luna nei panni di Cassian Andor     Space Opera
In sviluppo
Docuserie ABC Studios senza titolo Docuseries
Serie live-action con Falcon e Winter Soldier da Marvel StudiosSuperhero
Serie live-action di Loki da Marvel StudiosSuperhero
Serie live-action senza titolo da Marvel TelevisionSuperhero
Serie live-action di Scarlet Witch da Marvel StudiosSuperhero
Serie senza titolo di Mighty Ducks Comedy-drama
Serie senza titolo di Monsters, Inc. Animazione/Fantasy
Serie senza titolo di MuppetsCommedia