Disney+, la nuova piattaforma streaming

Che Disney stia mettendo le mani in pasta un po’ ovunque questo ormai è ovvio, intrattenimento sul grande schermo, intrattenimento sul piccolo schermo, parchi a tema, fumetti, oggettistica e merchandise,  galassie lontane lontane. Ma che la creatura di Walt Disney dichiarasse guerra al colosso Netflix (e a tanti altri satelliti “minori”), visto anche l’accordo tra le due parti per il rilascio di serie di proprietà Disney in esclusiva Netflix, ve lo aspettavate?

Ormai il mondo dell’intrattenimento è più che mai gestito dal business, si fa o si crea qualcosa se sai che il riscontro economico è assicurato e questa creazione si rende esclusiva (per il pubblico pagante della piattaforma) sia per attirare spettatori sia per far vedere ai competitor che “le hai più grosse tu” (le esclusive, n.d.a). Ecco quindi che Disney tira fuori dal cilindro IL suo servizio streaming che prende il nome di Disney+, ma come siamo arrivati a questo punto?

Nell’agosto 2016, Disney ha acquisito una quota di minoranza in BAMTech (uno spin-out del business della tecnologia di streaming di MLB Advanced Media) per 1 miliardo di dollari, con un’opzione per acquisire una partecipazione di maggioranza in futuro. A seguito dell’acquisto, ESPN ha annunciato piani per un “progetto esplorativo” basato sulla sua tecnologia (ESPN+) per soppiantare i suoi attuali servizi televisivi lineari. L’8 agosto 2017, Disney ha invocato la sua opzione per acquisire una partecipazione di controllo in BAMTech per 1,58 miliardi di dollari, aumentando la sua partecipazione al 75%. Accanto all’acquisizione, la società ha anche annunciato i piani per un secondo servizio diretto al consumatore, basato sul marchio Disney, tratto dai contenuti di intrattenimento, che verrà lanciato dopo che l’azienda ha concluso l’accordo di distribuzione con Netflix nel 2019.

Nel gennaio 2018, è stato riferito che l’ex dirigente Apple e Samsung Kevin Swint era stato nominato vicepresidente senior e direttore generale del nuovo servizio. Nel giugno 2018, l’ex presidente del marketing di Motion Pictures della Walt Disney Studios, Ricky Strauss, è stato nominato presidente del contenuto e del marketing per il servizio.

L’8 novembre 2018, la Disney annunciò ufficialmente che il servizio sarebbe stato nominato Disney+, con l’amministratore delegato Bob Iger che affermava che la società avrebbe preso di mira un lancio verso la fine del 2019.

Inizialmente sarà lanciato esclusivamente negli Stati Uniti e si concentrerà sui contenuti cinematografici e televisivi dei principali marchi di intrattenimento della famiglia Disney, tra cui Walt Disney Studios, Pixar, Marvel Studios e Lucasfilm. Disney+ presenterà anche contenuti originali, con la Disney che ha annunciato nuove serie relative a Marvel e Star Wars in produzione per il servizio. Il servizio sostituirà l’attuale accordo di distribuzione di Disney con Netflix.

disneyplus

Diamo però un’occhiata più approfondita ai contenuti.

Il servizio opererà in parallelo con Hulu, un servizio di cui Disney deterrà il possesso del 60% in seguito al completamento della sua proposta acquisizione delle attività di intrattenimento di 21st Century Fox. Bob Iger ha dichiarato che Disney+ sarebbe incentrato specificamente sull’intrattenimento per famiglie (il servizio non porterà alcun film con rating R), e che Hulu sarebbe rimasta orientata verso l’intrattenimento “generale”.

Si prevede che il servizio avrà circa 7000 episodi di serie televisive e 500 film. ci saranno alcune glorie del passato che saranno disponibili per lo streaming attraverso il servizio, includono film d’animazione Disney, film d’azione Disney, film del Marvel Cinematic Universe e film Pixar (oltre alla programmazione di National Geographic dopo la finalizzazione dell’acquisizione del 21st Century Fox). L’obiettivo iniziale per del contenuto originale sul servizio è pianificato per includere da quattro a cinque film originali e cinque programmi televisivi con budget da 25 a 100 milioni di dollari. Nell’agosto 2018, è stato riferito che la prevista serie live-action di Star Wars costerà 100 milioni.

Disney+ NON deterrà i diritti per i primi sei film della saga cinematografica di Star Wars, poiché i loro diritti di streaming negli Stati Uniti sono detenuti da Turner Broadcasting (una divisione di AT & T’s WarnerMedia) fino al 2024. Captain Marvel sarà il primo film distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures a trasmettere esclusivamente su Disney+.

Film:

TitoloGenere
In post-produzione
Magic CampCommedia
NoelleFantasy/Avventura/Commedia
Timmy FailureFantasy
In Ripresa
Lady and the TrampRomantico
StargirlRomantico/Drammatico
TogoAvventura
In sviluppo
3 Men and a BabyCommedia
Don QuixoteFantasy/Avventura
Father of the BrideComedy-drama
Flora & UlyssesFamily
Honey, I Shrunk the KidsCommedia/Avventura
The Paper MagicianFantasy
The Parent TrapCommedia
Peter PanAvventura/Fantasy
The Sword in the StoneFantasy

Serie:

TitoloGenere
In Produzione
High FidelityComedy-drama
High School Musical: The MusicalMusical
Ink & PaintDocuserie
Star Wars: The Clone Wars (stagione 7)Animazione/Space opera
The MandalorianSpace opera
Serie prequel di Rogue One con Diego Luna nei panni di Cassian Andor     Space Opera
In sviluppo
Docuserie ABC Studios senza titolo Docuseries
Serie live-action con Falcon e Winter Soldier da Marvel StudiosSuperhero
Serie live-action di Loki da Marvel StudiosSuperhero
Serie live-action senza titolo da Marvel TelevisionSuperhero
Serie live-action di Scarlet Witch da Marvel StudiosSuperhero
Serie senza titolo di Mighty Ducks Comedy-drama
Serie senza titolo di Monsters, Inc. Animazione/Fantasy
Serie senza titolo di MuppetsCommedia
Annunci

Pubblicato da

Jimmy Veronese

Sono un ragazzo semplice con tanta voglia di condividere le sue idee. Appassionato della cultura Nerd/Geek fin dall'infanzia, oggi a 30 anni ho deciso di condividere tutto in un blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.